23 luglio 2021

Il progetto

M5: primo modello Driverless su rotaie in Italia

Il Progetto della Linea 5 della metropolitana di Milano rappresenta il primo esempio di Project Financing Driverless in Italia. Il sistema prevede la marcia dei veicoli senza conducente a bordo treno e consente di realizzare un programma d’esercizio flessibile.

Il modello “driverless” fornisce:
  • elevata flessibilità d’esercizio (numero di treni, frequenza passeggeri, velocità e tempo di sosta in stazione);
  • maggiore sicurezza in stazione;
  • minor costo d’esercizio.

Tappe principali della Linea 5

2004

Approvazione Progetto Preliminare

2006

Inizio Lavori

2013

Apertura esercizio commerciale Tratta Bignami-Zara

2014

Apertura esercizio commerciale Tratta Zara-Garibaldi

2015

Messa in esercizio dell’intera Linea “Bignami-San Siro”

Il progetto è stato realizzato in Project Financing; il partenariato ha coinvolto le società promotrici con un apporto di circa il 40% del costo dell’opera.

La concessione ha previsto la realizzazione della Linea 5 e la gestione fino al 31 dicembre 2040 nel tratto dalla stazione Bignami alla stazione San Siro Stadio. Il progetto si articola in un tracciato lungo oltre 12 km che include 19 stazioni, 21 treni a 4 casse, una struttura di manutenzione, il Posto Centrale di Controllo e una rimessa a San Siro. Il sistema è inoltre capace di gestire una frequenza di esercizio con intervalli tra ogni treno al massimo di 180 secondi.

Il percorso Bignami-San Siro si articola come segue:

  • Bignami-Zara è stata realizzata con una galleria a doppio binario (scavo eseguito con TBM-EPB);
  • Zara-Isola è stata eseguita con due gallerie a singolo binario;
  • Isola-Garibaldi con gallerie artificiali che sottopassano il nuovo quartiere Garibaldi;
  • Monumentale-San Siro Stadio è stata realizzata con due gallerie a singolo binario (scavo eseguito con TBM-EPB) e alcune tratte con gallerie a doppio binario.