23 luglio 2021

Sicurezza

M5: fusione tra design e tecnologia

Milano si muove sicura. La Linea 5 è dotata di un innovativo sistema di guida automatica. La metropolitana driverless nasce infatti dalla fusione tra design e tecnologia: una vera e propria piattaforma caratterizzata da un veicolo privo di cabina di guida, capace di garantire elevate prestazioni, livelli di comfort e sicurezza.
 
 
Un prodotto tecnologicamente avanzato, dal design moderno e lineare, adottato in tutto il mondo per il controllo intelligente del traffico

La banchina di salita e discesa è completamente separata dai binari e dai vagoni in movimento: come in un ascensore, le porte delle pareti divisorie in vetro, che separano la galleria dai passeggeri in attesa, si aprono esclusivamente alla fermata dei treni in stazione. Un dispositivo che tutela da cadute accidentali e impedisce l’accesso di persone non autorizzate.

IL SISTEMA PORTE DI BANCHINA

sistema-porte-banchina

Il sistema di porte di banchina per la Linea 5 di Milano è progettato, prodotto e installato in modo da fornire  facciate realizzate con materiali di alta qualità, come vetro e alluminio anodizzato, tra i binari e la banchine a cui hanno accesso i passeggeri. Grande attenzione è stata dedicata alle parti in vetro in modo da assicurare la massima trasparenza. La struttura invisibile in acciaio galvanizzato, ricoperta da alluminio anodizzato, supporta sia il peso complessivo che i pesi specifici. 

Questo tipo di facciata costituisce un elemento divisorio in grado di isolare dalla galleria, le zone della stazione in cui è attivo l’impianto di aria condizionata, riducendo così la fuoriuscita di aria trattata dalla stazione.

Le facciate, inoltre, contribuiscono ad aumentare il livello di sicurezza dei passeggeri separando le banchine dai binari. Le porte di banchina sono posizionate il più vicino possibile all’inviluppo cinematico del treno in modo che, sotto il carico massimo, la distanza tra l’inviluppo cinematico e un punto qualsiasi della facciata non risulti superiore ai 10 mm. In questo modo, quando il treno si arresta, dapprima si aprono le porte del treno e poi le porte della banchina posizionate di fronte, così da evitare l’infortunio di passeggeri in salita e o discesa.
Lo schema delle porte di banchina è progettato lungo un treno a quattro casse avente due porte per carrozza. Ogni facciata ha una lunghezza complessiva di circa 50 m.  ed è composta da otto moduli identici, nonché di uguale lunghezza, separati tra loro da porte dotate di maniglione “antipanico” per l’evacuazione dal treno o da gallerie in casi di emergenza (EED). 

Il Sistema è inserito ed integrato nella struttura e nell’architettura della stazione e, per quanto riguarda l’aspetto operativo, nel sistema di segnalamento (ATC).

Il progetto delle porte di banchina risponde ai seguenti requisiti:
  • evitare che persone e/o oggetti cadano sui binari con tutte le conseguenze annesse a tali incidenti;
  • evitare l’accesso alla galleria da parte di persone non autorizzate;
  • permettere il movimento dei passeggeri tra banchina e binari soltanto quando il treno si arresta nella corretta posizione;
  • proteggere i passeggeri evitando che vengano trascinati dai treni in movimento;
  • isolare elettricamente la facciata dalla struttura in calcestruzzo della banchina;
  • facilitare la manutenzione grazie agli elementi modulari della sostituzione agevolata, ad esempio i vetri sono dotati di telai ammortizzati.